Pitts Special - AModel - 1/72

  04 Luglio 2014

Pitts Special SA2 - Kit AModel - Scala 1/72

Storia

Il Pitts Special è un biplano leggero acrobatico a carrello fisso progettato da Curtis Pitts negli anni quaranta ed ancora oggi prodotto dall'azienda statunitense Aviat Aircraft Inc.

In produzione fin dal 1944, il Pitts è uno dei più conosciuti e longevi aerei acrobatici del mondo, adottato negli anni da numerose pattuglie acrobatiche tra cui l'italiana Alpi Eagles, nota per aver fondato l'omonima compagnia aerea.

Vincitore di numerose competizioni aeronautiche fin dal suo battesimo dell'aria nel 1944, il Pitts Special ha dominato a livello mondiale nelle competizioni di volo acrobatico negli anni sessanta e settanta, continuando a rimanere un eccellente velivolo da competizione nelle categorie minori anche recentemente.

 

Le versioni certificate del compatto Pitts Special sono prodotte dalla Aviat ad Afton, nel Wyoming. È disponibile nella versione S1, monoposto, dotato di un motore boxer a 4 cilindri della Lycoming, con potenza fino a 200 CV (150 kW) e con apertura alare di 5.28 m, oppure nella versione S2, variante biposto che monta un motore boxer a 6 cilindri, sempre della Lycoming, con potenza di 260 CV (194 kW), e apertura alare di 6.1 m. Il Pitts Special è stato equipaggiato, nella sua storia, con motori fino a 450 CV (338 kW).

Il Pitts Special dominò i campionati mondiali di volo acrobatico fino all'avvento degli aerei monoplano, sebbene rimanga ancora oggi molto competitivo a tutti i livelli e sia uno degli aerei preferiti dai piloti acrobatici in tutto il mondo

Il modello S1 continua a dimostrare ottime prestazioni a un costo relativamente basso. Centinaia di autocostruttori hanno realizzato e volato con il Pitts da quando i disegni di progetto sono stati resi disponibili nel 1960.

Apriamo la scatola

Si tratta di un AModel in scala 1/72 di "pregevole" fattura (notare la parte ironica).

Due alberi contenenti ben 31 pezzi.

 

Bisogna sottolineare che la scatola ha stazionato negli scaffali del mio archivio circa per 12 anni, che per quanto riguarda le tecnologie di produzione e la qualità del modello sono molti.

Il modello indicato sulla scatola è il S2A, soggetto biposto, mentre si costruisce solo il modello S1A, monoposto.

Devo comunque evidenziare il fatto che non ho trovato alcun segno di estrattori nelle parti utili per il modello, mentre sono stati tutti concentrati nell'albero principale.

Il tettuccio del pilota è fornito in due versioni: tettuccio completo (che non combacia con la struttura) e tettuccio aperto (quindi solo il parabrezza anteriore).

Le decalcomanie permettevano di realizzare il modello TOYOTA o il modello MICROLEASE, entrambi di base bianca e rossa.

Il dettaglio esterno della carlinga e dei flap è ben evidenziato mentre è molto spartano il dettaglio del posto di pilotaggio, da tenere comunque presente che se si utilizza il tettuccio chiuso dell'interno non si vede nemmeno il seggiolino.

Se andiamo ad analizzare i singoli dettagli il carrello di atterraggio anteriore non è splendido per l'assemblaggio in quanto i punti di contatto sono veramente esigui (non che il carrello sia enorme), è comunque suddiviso in 9 pezzi: due ruote, due semigusci per ogni ruota, due triangoli di rinforzo per i gusci ed una barra di collegamento tra i gusci e la fusoliera.

Fortunatamente il ruotino posteriore è in unico pezzo senza, per contro, avere il foro corrispondente nella parte terminale della fusoliera.

La fusoliera è suddivisa in tre pezzi, i due laterali e la copertura del motore alla quale vengono agganciati ben tre distanziatori per le ali superiori.

Le due ali, i due "distanziatori" tra le ali ed i due alettoni posteriori completano il modello.

 

La costruzione del modello

L'interno si costruisce sull'ala inferiore ed è costituito dal seggiolino con poggiatesta, la barra di direzione ed un quadro strumenti che difficilmente prende posto e si vede.

Nella parte anteriore trova posto un cofano con prese d'aria dalle quali si intravedono due pistoni del motore boxer e l'elica.

La costruzione di questo modello inizia durante il VeronaModelExpo di quest'anno dove ho costruito, tanto per diletto, l'interno del posto di pilotaggio con cinture di sicurezza e pedaliera (che poi vista l'esiguità del foro superiore non sono assolutamente visibili).

L'unica altra aggiunta al kit iniziale sono i due tubi di scarico dei gas sulla parte inferiore del motore realizzati con del tubetto di rame da 1 mm. in quanto quelli originali erano decisamente orribili (sembravano un paio di corna 

Una volta puliti i pezzi da qualche leggera sbavatura dello stampo, l'assemblaggio totale richiede pochissimo tempo (se si esclude il carrello anteriore che richiede un po' di attenzione).

Assemblato nella sua totalità si può dipingerlo completamente di bianco (meglio se perlato).

Il problema si incontra nel momento in cui si vogliono fare i profili delle ali e dei timoni rossi utilizzando l'aerografo. Non è semplice mascherare correttamente le parti che devono rimanere bianche una volta assemblato il tutto.

L'alternativa è fare i profili a pennello e forse è l'alternativa migliore vista l'esiguità degli spazi da dipingere se si escludono le aree superiore ed inferiore della fusoliera.

Realizzata la pittura di base (bianco e rosso) rimangono da mettere le decalcomanie ed un paio di tiranti (giusto perchè è un biplano).

 

Qui cominciano le dolenti note; le decalcomanie hanno il film talmente sottile che si arrotolano su se stesse non appena tolte dal supporto cartaceo ed una volta posizionate sull'aereo ti seguono anche se hai asciugato tutta l'acqua in eccesso.

Le righe laterali della fusoliera sono talmente sottili che non si riesce a posizionarle correttamente e quindi, dopo un quarto d'ora di litigio con la prima, decido di eliminarle entrambe e di provvedere alla loro sostituzione con il colore rosso ed un pennello 00000.

Una verniciata lucida ed una basetta minimale completano il modello.

  

Giudizio finale : modelli simpatico da costruire in brevissimo tempo, piccolo come dimensioni (finito misura 6,5x7 cm. e la base ha un diametro di 7,5 cm.) ma soprattutto bisogna costruirlo senza particolari pretese. Allora ci si può anche divertire.

Buon modellismo.

Joomla SEF URLs by Artio
seoLinks

SPONSOR

CONDIVIDI

CERCA NEL SITO

TECNICHE E COLORI

RECENSIONE AEREI

RECENSIONE MEZZI CORAZZATI

STORIA

Visite:

Oggi:1820
Questo Mese48107
Visite Totali2178016