Macchi MC.202 Folgore - Supermodel - 1/72

  23 Gennaio 2012

MACCHI MC.202 FOLGORE

Storia

Considerato da molti il miglior caccia italiano della II^ GM, il prototipo del MC.202 Folgore volava a Lonate Pozzolo il 10 agosto del 1940, pilotato da Guido Carestiato. Il velivolo finalmente poteva disporre di un apparato motore di tutto rispetto, inizialmente con motore tedesco DB.601A-1, poi realizzato su licenza dalla Alfa Romeo come RA 1000 RC41. Il velivolo poteva raggiungere i 596 km/h a 6.000 mt di quota, raggiunta in 6 minuti e 26 secondi.

I primi esemplari vennero consegnati al 1° Stormo nel maggio del 1941, seguito dal 4° Stormo di Gorizia.. Esordisce in combattimento in un ciclo operativo su Malta, prendendo base in Sicilia (ottobre 1941) e poi in Africa settentrionale. Quasi tutti i reparti da caccia italiani riceveranno gli MC.202 Folgore, operando su tutti i fronti italiani. L’unico punto ancora debole del caccia italiano era costituito dall’armamento offensivo, con due mitragliatrici sul muso, alle quali poi (dalla VII^ serie) vennero aggiunte altre due armi alari da 7.7 mm (comunque ancora poco rispetto ai velivoli tedeschi, inglesi e statunitensi).

 

Modello Supermodel in 1/72

Il modello della Supermodel, in 1/72, per molti anni è stato l’unico reperibile nel mercato (c’era anche la FROG, ma praticamente introvabile). Oggi (fortunatamente) abbiamo diverse ditte che si occupano del caccia italiano (Hasegawa, Italerei ecc.), e come velivolo presentava diversi errori di stampata.

La fusoliera presenta un abitacolo troppo spostato in avanti, lo schienale anticapottatura è da ridimensionare, come bisogna ridimensionare pure l’attacco dell’antenna tripolare. Per correggere questi errori si rischia di alterare le dimensioni generali, quindi un lavoretto non da poco.

L’ala è praticamente tutta sbagliata e sarebbe da sostituirla con una di un kit diverso o di un MC.205 recuperato…ma non credo sia il caso. Le alternative sono due: o con il cutter cerchiamo di portare la ala a dimensioni corrette, oppure lasciamo tutto com’è. Anche lo spessore dell’ala è eccessivo, quindi bisogna assottigliarlo un bel po’.

Ci sono poi alcuni piccoli errori in fusoliera ma tutto sommato con dei disegni sotto mano riusciamo a mettere tutto al suo posto.

Come sempre si inizia dall’abitacolo dettagliandolo un po’ (si ricostruisce il pianale, seggiolino, pareti laterali…praticamente tutto). Come modifiche alla fusoliera non ne ho fatte e nemmeno alle ali. Ho dovuto comunque ripassare tutte le pannellature reincidendole. Dopo l’assemblaggio e le opportune stuccature e cartegiature, sono passato alla colorazione del modello.

Mi sono cimentato nel realizzare due modelli (assieme a due della Hasegawa per vedere le differenze tra le due case), cosa che risulta molto dispersiva. Comunque alla fine ho realizzato un MC.202 dell’85^ Squadriglia del 18° Gruppo/3° Stormo e un velivolo del 153° Gruppo Autonomo.

Entrambi i velivoli li ho dipinti con colori LIFECOLOR, usando per la parte inferiore un Grigio Azzurro Chiaro 1 (UA 113), mentre la parte superiore con un Nocciola Chiaro 4 (UA 112). Posi sono passato alla realizzazione di un motivo a macchie in Verde Mimetico 2 (UA 008) per realizzare il velivolo della 85^ Squadriglia, mentre sempre in Verde Mimetico 2 (UA 008) ma un motivo ad amebe per il velivolo del 153° Gruppo. Entrambi i velivoli hanno la fascia bianca centrale in Bianco Neve in LC 01.

Al termine una mano di trasparente della Gunze S. (H 30), quindi il posizionamento delle decals. Per quanto riguarda le decals del kit Supermodel, essendo quelle a trasferibile, dopo un paio di stemmi le ho praticamente gettate. Forse troppo vecchie ma erano praticamente tutte rovinate.

Per il velivolo dell’85^ Squadriglia del 18° Gruppo/3° Stormo CT, il velivolo con la scritta “Geppo” ho usato quelle del Tauromodels n.72-521, mentre per il secondo velivolo, quello del comandante del 153° Gruppo Autonomo CT, ho impiegato quelle del kit Hasegawa. Nuova mano di lucido trasparente H 30 e quindi invecchiamento con gessetti, mentre per le pannellature ho usato il nero opaco della Model Master diluitissimo. Per finire una mano di trasparente opaco.

 

Anche se per molto tempo Supermodel è stato il top per il Macchi MC.202 Folgore, a tutt’oggi esistono modelli molto più “facili” da montare, soprattutto per quanto riguarda pannellature in negativo e dettagli più definiti. Per chi avesse ancora delle scatole di questo modello (come me), allora “buon divertimento”.

Buon Modellismo a tutti

Joomla SEF URLs by Artio
seoLinks

CONDIVIDI

CERCA NEL SITO

TECNICHE E COLORI

RECENSIONE AEREI

RECENSIONE MEZZI CORAZZATI

STORIA

Visite:

Oggi:1895
Questo Mese53987
Visite Totali2276785