Il Fuggitivo - Dragon/Zvezda/Verlinden/Trumpeter - 1/35

  10 Dicembre 2012

Il Fuggitivo - kit della Dragon/Zvezda/Verlinden/Tumpeter - scala 1/35

Guerra del Golfo

 

Per questo diorama ho utilizzato il kit Dragon 3535 dell’M1A1 AIM e il kit Zvezda 3552 del T72A oltre ai figurini della Verlinden e della Trumpeter.

 

Il kit Dragon non si discute, ottimo in tutto si monta da se e non necessita di alcun aftermarket visto che dispone già di cingoli maglia a maglia, fotoincisioni, canna in alluminio e un sacco di accessori con cui poter riempire la torretta.

Il T72 invece sembra un kit di 30 anni fa, mi son subito procurato i cingoli della Friulmodel che contengono anche le ruote motrici, la canna in alluminio della Aber e un kilo di stucco.

 

non serve dire quindi che il montaggio è stato un lavoraccio visto che proviene da mamma Zvezda e non mi ripeterò dicendo che le stampate fanno schifo ma questo avevo e mi devo accontentare (così dice Monti)
lo scafo è stato montato da scatola, le ruote hanno ricevuto una fresata per simulare la gomma rovinata e i cingoli sono i classici Friul (che contengono già la ruota motrice in alluminio all'interno della scatola)
alla torretta invece ho tolto tutti i particolari già prestampati, l'ho poi testurizzata con lo stucco Tamiya diluito con l'acetone, ho aggiunto tutti i cablaggi e qualche maniglia con filo di rame, ho ricreato la mensola che supporta il congegno per le contromisure elettroniche antimissile in uso presso gli irakeni e ho cercato di migliorare la mitragliatrice Utes.

I figurini sono stati dipinti con una mano di base ad acrilico Vallejo a cui son seguite luci e ombre (per la verità ombre e luci) ad olio con cui secondo me è più facile sfumare il colore

 

I carri invece hanno ricevuto entrambi un preshading col nero poi l’Abrams è stato colorato di base con un mix di Tamiya  XF-59 desert yellow e XF-60 dark yellow a cui son seguiti i primi lavaggi generali con del bruno van dick diluito in white spirit; ho poi ripreso le pennellature schiarendole con il colore di base leggermente più chiaro e in alcuni punti ho creato delle luci col Buff della Tamia infine sapendo che i mezzi sono arrivati in Iraq con la mimetica continentale ho riprodotto graffi e scrostature con vari toni di verde.

Il t72 doveva risultare sicuramente più vissuto son quindi partito con una base di Tamiya XF-60 dark yellow a cui son suiti diversi lavaggi con bruno van dick, terra di siena naturale e terra d’ombra bruciata; ho poi schiarito le pennellature con del Buff molto diluito e con un vecchio pennello e un po’ di colore acrilico ho “spruzzato” piccoli schizzi su quasi tutto lo scafo, alcuni poi son stai ripresi ad olio per evidenziare delle colature di sporco o di ruggine; altre scrostature son stae fatte con un ruggine Vallejo a cui son stati ripassati i contorni con un panna sempre della Vallejo.

Su entrambi i mezzi la polvere è stata ricreata con un mix di pigmenti mig fissati con del white spirit.

 

Joomla SEF URLs by Artio
seoLinks

SPONSOR

CONDIVIDI

CERCA NEL SITO

TECNICHE E COLORI

RECENSIONE AEREI

RECENSIONE MEZZI CORAZZATI

STORIA

Visite:

Oggi:427
Questo Mese24950
Visite Totali1456112