Caccia Carri Ferdinand - Dragon - 1/35

  18 Novembre 2012

Panzerjager Tiger (P) Elefant "Ferdinand" - kit Dragon - scala 1/35

653ma Schwer Panzerjager Aungbteil - Nikopol nel dicembre 1943

Il Panzerjäger Tiger (P) Elefant, il cui numero di identificazione dell'esercito (Heer) era Sd.Kfz. 184, era un cacciacarri pesante della Wehrmacht utilizzato durante la seconda guerra mondiale. Furono originariamente denominati Ferdinand in onore del loro progettista Ferdinand Porsche e in seguito ribattezzati Elefant.

Recensione

Per questo progetto mi son procurato il Ferdinad della Dragon 6317, i cingoli della Friulmodel e la canna tornita della Aber.

Il montaggio è filato via liscio e veloce visto la precisione del kit e l’assenza totale degli interni che comunque a montaggio finito non si vedrebbero.

Mi son così dedicato anima e core alla pittura: dopo il primer ho eseguito un presheding col nero e ho quindi dato il dunkelgelb di base utilizzando un mix (50 + 50) con i Tamiya XF 59 e XF60, ho ricreato poi la mimetica ad aerografo con del verde Tamiya  Nato Green (unico che avevo in casa al momento) e infine sono andato a schiarire tutte le macchie giallo sabbia con del buff vallejo.

Mi son così ritrovato un Ferdinand del 653rd schwere panzerjager abteilung appena uscito di fabbrica ma volendo ricrearne uno operativo a Nikopol nel Natale del ’43 ho preso in mano gli ormai inseparabili oli e ho iniziato con dei lavaggi generali con del bruno van dick a cui son seguiti del lavaggi selettivi per evidenziare alcuni dettagli e/o pennellature.

A questo punto con un pennello finissimo e con del beff vallejo ho  evidenziato tutti i bulloni e i vari spigoli del mezzo; con un pannello vecchio e del colore acrilico ho “spruzzato” il carro per ricreare varie puntinature di ruggine (occhio a non esagerare) poi riprese con l’olio per ricreare effetto colatura, infine ho fatto le graffi e scrostature con del rosso minio a cui ho fatto i bordi con del panna per dargli profondità.

Son seguite poi varie colature di sporco e ruggine con dei prodotti appositi della Mig e con i pigmenti (sempre MIg) e l’inseparabile white spirit ho cercato di ricreare il fango.

Il diorama

Son quindi passato alla realizzazione del diorama:

la casa e la strada sono referenze miniart che avevo da molto tempo mente i figurini provengono da un vecchio diorama andato in pezzi l’anno scorso; non mi restava altro che riprodurre le macerie e ricreare la neve; per quest’ultima ho utilizzato delle sferette della prochima avanzate incollate con della vinavil diluita con acqua mentre per il fango ho utilizzato della resina Mig mescolata a dei pigmenti.

 

Joomla SEF URLs by Artio
seoLinks

SPONSOR

CONDIVIDI

CERCA NEL SITO

TECNICHE E COLORI

RECENSIONE AEREI

RECENSIONE MEZZI CORAZZATI

STORIA

Visite:

Oggi:1239
Questo Mese28846
Visite Totali1460008